biblioclik, nord-est milano, milano, sebina, you, servizi, biblioteca, utente, Gruppi di Lettura, reteindaco

mercoledì

5

aprile

Ucraina in guerra: un dramma infinito? Ne parliamo con Nello Scavo, a "Leggere il presente"

Ucraina in guerra: un dramma infinito? Ne parliamo con Nello Scavo, a "Leggere il presente"

Brugherio, mercoledì 5 aprile 2023, ore 21, sala consiliare, piazza C. Battisti 1

Mercoledì 5 aprile 2023, alle 21, nella sala consiliare di Brugherio, sarà ospite del ciclo   uno dei più importanti giornalisti d’inchiesta, , rientrato pochi giorni fa dai fronti di guerra in Ucraina, dove ha trascorso molti mesi come corrispondente per il quotidiano " " e collaboratore per diverse testate straniere.
L’ingresso è libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Sarà possibile seguire l'incontro anche in diretta streaming sul  . A moderare la serata  Ermanno Vercesi, della Biblioteca civica di Brugherio, che ha organizzato la rassegna.
 
Nello Scavo è un corrispondente di guerra tutt’altro che improvvisato, ha al suo attivo moltissime inchieste in zone calde del mondo, sempre con lo stile dell’andare sul posto per vedere e raccontare in prima persona. Basti pensare a quando fece conoscere le condizioni terribili nelle prigioni degli scafisti libici dopo essere riuscito a infiltrasi in una di esse.
Ha scritto diversi libri, l’ultimo dei quali dedicato proprio al conflitto in Ucraina: Kiev (Garzanti, 2022), che sarà possibile acquistare in sala durante l’incontro.
È vincitore di numerosi riconoscimenti e le sue inchieste sono state riprese da testate internazionali tra cui "The New York Times", "The Washington Post", "The Independent", "The Guardian", "Le Monde", "Huffington Post", Bbc, Cnn, "La Nacion", "El Pais", "El Mundo".
 
Il conflitto in Ucraina, com'è noto, è stato scatenato dall’invasione russa il 24 febbraio 2022. Sono passati più di tredici mesi e la guerra, tornata prepotentemente in Europa dopo molti decenni, sembra volerci restare come uno scenario duraturo, quasi normalizzato, a cui ci si può persino abituare e che diventa sempre più sfuggente a una comprensione profonda.
Scavo la racconta in presa diretta, senza scorciatoie o semplificazioni; in un incontro di qualche settimana fa l'ha definita una “ guerra matrioska in cui, oltre agli interessi ufficiali di Putin e Zelensky, trovano sfogo numerosissime istanze di gruppi politici, etnici o religiosi”.
 
La nostra è una professione di servizio - ha dichiarato inoltre  - la democrazia si regge sulla qualità delle informazioni di cui la comunità dispone per poter prendere delle decisioni. A questa qualità si sostituisce oggi, purtroppo, la quantità: veniamo letteralmente bombardati da miliardi di informazioni. E si perde la capacità di mettere in connessione i fatti. Abbiamo bisogno di approfondimento, di un giornalismo che metta in connessione i fatti che spesso sono davanti ai nostri occhi ma che non riusciamo a collegare.
 
Per approfondire la questione Ucraina vi aspettiamo dunque il 5 aprile. Potete inoltre consultare il nostro percorso di lettura, visione e ascolto: Ucraina un anno dopo.